Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

“Mme chiamo Quispano”

Sso carico, so presente mme presento,

quello che dico dico, mejo sse lo scrivo,

perchè e parole, passeno, volano cor vento,

mentre ciò che scrivo, o’rileggo, e sso Vivo.

 

Vivo, na parola che na vorta più spesso sentivo,

mmo sun’mione, lo diranno n’cento,

e chi lo pronunzia, passa pè strano o peggio pè cattivo

ma tu nun poi più capì, perchè drento t’anno spento!!!

 

E’mmo semio quì, tutti assieme,

“Voci” che sse prenneno pè mano,

rompemo li schemi de ste menti blasfeme,

 

e chissà poi, sse ricorderemo desse er Popolo Romano,

bisogna avelle le palle, pe potelle spreme,

Amici mia, io sono qui……..mme chiamo Quispano!!!

Roma 05/10/2012                             Quispano

Commenti disabilitati, Scritto il 08 ottobre 2012 , Sonetti

Roma n’coma

Popolo de Roma……

do stai? Che fine hai fatto?

Te oramai stai n’coma?!

Er cervello, te se rarefatto? 

Ma nu lo vedi,

te se stanno a magnà tutto,

tutto oramai te cedi,

ma che stai aspettà, er lutto?

 Reagisci a sta piaga,

la ferita è ggià livida,

si stò a parlà dda lega

che c’è partita da Pontida

 sta ggente che all’Italia nun ce crede,

però  stà a ppalazzo a ddecide,

n’chiodo fisso, vonno divide,

sso razzisti, ma nun se vede??!!

 

13/5/2010       Quispano

 

Commenti disabilitati, Scritto il 08 ottobre 2012 , Sonetti

A  Monti, senti a me, fatteli dù conti,

ascorta la vecchierella cò la busta della spesa quasi vota,

chiedi ar pensionato ‘n fila alla posta,

domanna ar tassinaro mentre nun fà più er pieno,

te diranno tutti de datte ‘na regolata.

Li sordi sò finiti che voi da noi ?

Lassace campà, da l’ amichi tua politici devi annà,

levaje la macchina, l’ autisti e li privilegi.

daje ‘no stipendio come er nostro e compreje ‘na tuta,

me riccomanno bella comoda, che se le cose nun cambieno……pè loro,

LA CORSA E’ LUNGA

 

Commenti disabilitati, Scritto il 03 ottobre 2012 , Proteste

Alemanno, si Dio vole è l’ultimo anno
c’avevi promesso sicurezza
c’hai coperto de monnezza,
dovevi fà solo cose belle
hai fatto sparì le botticelle
nun sai più come rompe li cojoni
e allora te la pii co li centurioni
hai dato da magnà pure a Bossi
lasciace armeno l’ossi
chissà se l’avemo capito
te dovemo mannà a casa, sei finito!

Commenti disabilitati, Scritto il 03 ottobre 2012 , Varie

non’e’ che non volemo lottar pe la battaja,

visto che la guera l’amo perza,

ma sor condottiero mio n’do ce vo’ porta?

n’sarebbe mejo che  ciaccannasse ,

saremo pronti  accollace tutta la corpa,

noi giocatori infonno semo pedine

e visto lurtime rovine,

che mai ce po succede ,

massimo ce ponno caccia,

ma cor tutto er dispiacere che provamo,

pe’ non avecce capito un cazzo della tua filosofia,

sor condottiero mio,vattene via!!!!!!!!

NEKUS

Commenti disabilitati, Scritto il 02 maggio 2012 , Proteste

SO’ TRE GIORNI CHE CE ROMPETE LI COJONI

CO LA STORIA DE BALDINI E BALDISSONI,

FORSE PENSEVATE CHE ERA LA VORTA BONA,

DE FA FORA LA VOCE DE ROMA.

MA MARIONE NUN STA DA SOLO,

CHI LO ASCOLTA E GENTE SANA E PURO BONA

MA CO QUESTO NUN VORDI’ CHE E’ FREGNONA.

QUINDI CARO GIORNALISTA,CHE CO  N’ARTICOLETTO

VOI FA’ FORI MARIONE E PEPPINAZZO…….

MESA CHE PURE STA VORTA T’ATTACCHI AR ….!

Commenti disabilitati, Scritto il 19 marzo 2012 , Poesie Tags:

Fabbrizzi e Sordi a spasso in paradiso
Vedènno la Magnani che piagneva,
Je fanno – Annarè, facce ‘n zoriso,
Semo noi dua – ma lei nù risponnéva.
Poi, se vortò de scatto e ‘nviperìta
- Si séte morti voi, Roma è sparita! -

- Anna, che vai dicènno – fa Arbertone,
- C’è ancora chi ce prova pé sarvalla,
A esempio Montesano ‘n’amicone
Che fà der tutto pé tenélla a galla, -
- E inortre – je fa Ardo – Roma vanta
D’avé in Proietti, un “pezzo da novanta”! -

- Co ‘ste fregnacce voi nun me ‘ncantate
Jeri ho ‘ncontrato puro Craudio Villa,
Che aludènno a vecchie stornellate
Fece capì che ‘n’artro oggi sfavilla,
Tant’è che a Roma a e li tresteverini
Mo jele cànta lui, Lando Fiorini! -

Ma nun vedete? – Roma ‘nzino a sera
È invàsa da ‘no smògghe puzzolente,
Lo ignètteno serpenti de lamiera
Quasi ‘nventàti a ‘ntossicà la gente.
È questa Roma, la “città sovrana”
‘Ndò pòi campà si e no ‘na settimana! -

- E ciài raggione Annarella mia,
Te vònno ‘nfinocchià nù je da retta,
Puro ‘n poeta sa ch’è ‘na follìa
Sperà che ‘sta città ariviè perfetta,
E pé li mejo (iti) a nòva vita
Se piagne ‘nzieme a te “Roma” sparita!

1 Commento, Scritto il 19 marzo 2012 , Varie Tags:

A Lor Signori eccellentissimi buonasera,
Ma sentite n’ pò a voi de razza pura beate grazie
Er ar popolo plebeo solo disgrazie
Ma dico io
N’ve chiedete mai la povera gente
Che cosa mai je passa pe la mente
E no…. so pensieri costruiti
che rovineno li giorni
Ai signorotti divertiti
Er popolo romano se lamenta
Pecchè vive è diventato un lusso
E a volte stenta
Ma pe troppa grazia e cortesia
Se limita a dar voce solo a statua mia
Che va ricorda che so finiti i tempi degli allori
E che se mo’ non ve movete so dolori
Dateje ar popolo quello che ja spetta
Pe vive n’esistenza che sa rispetta.

Daniela

Commenti disabilitati, Scritto il 18 marzo 2012 , Varie Tags:

Me arzo la mattina ‘n po’ intronato
Nun ho preso er caffè, nun ho pisciato,
che mi moje jà ma preparato
la lista der da fa, co’ più er bucato.

Ce  sarebbero li panni mo da stenne
Er piumone verde poi che va sbattuto
Er brodo vegetale c’è da spegne
E tutte l’antre cose……e te saluto.

Li fiori poi nun me l’hai nnaffiati,
la vedi la mentuccia se ‘mmosciata….
La potevi da ‘na spolverata
A la camera da letto e all’ inferiata.

Er pavimento de maiolica ‘n cucina
Va strofinato cor prodotto che to dato
E doppo ‘ n po va ripassato
Co lo straccio verde risciacquato

Ma prima che tu sorta pe’ lavoro
Avvia le lavatrici e pe decoro
Da  na scopata ar viale dell’entrarta
Ricordete der cane daje ‘ na spazzolata.

Ar bare dove vado pe ‘n goccetto
Quarcosa deve avè Giggi ‘ngamato
Da ‘n po’ de tempo in vista c’è ‘n bietto .
Chi beve pe dimenticà è qui pregato

ER CONTO DE PAGA’ANTICIPATO.

Commenti disabilitati, Scritto il 16 marzo 2012 , Sonetti

In questo momento, molto incasinato,
c’è un uomo che fa mormorar il prelato.
Un uomo che da voce alla gente,
anche se poi qualcun si risente.

Lui, senza paura della sentenza,
grida la vergogna in audiofrequenza,
politici, potenti e raccomandati,
fate attenzione sarete affondati.

Che sia Romanista, noi lo sappiamo,
e non ha importanza, perchè è Romano,
con un cuore grande e grande ardore,
da sempre è del popolo un difensore.

Colgo l’occasione che oggi ci hai dato,
per ringraziar chi ci ha sempre affiancato…
Grande Mario’ stai nel mio cuore,
nel cuor di un tuo grande ascoltatore.

T. (16/03/2012)

Commenti disabilitati, Scritto il 16 marzo 2012 , Poesie

Pasquino by Marione.net powered by WordPress | Tema Pasquino
Post (RSS) e Commenti (RSS).

Pasquino by Marione.net

Fai sentire la tua voce