“Mme chiamo Quispano”

Sso carico, so presente mme presento,

quello che dico dico, mejo sse lo scrivo,

perchè e parole, passeno, volano cor vento,

mentre ciò che scrivo, o’rileggo, e sso Vivo.

 

Vivo, na parola che na vorta più spesso sentivo,

mmo sun’mione, lo diranno n’cento,

e chi lo pronunzia, passa pè strano o peggio pè cattivo

ma tu nun poi più capì, perchè drento t’anno spento!!!

 

E’mmo semio quì, tutti assieme,

“Voci” che sse prenneno pè mano,

rompemo li schemi de ste menti blasfeme,

 

e chissà poi, sse ricorderemo desse er Popolo Romano,

bisogna avelle le palle, pe potelle spreme,

Amici mia, io sono qui……..mme chiamo Quispano!!!

Roma 05/10/2012                             Quispano

Condividi!!!!!!
Scritto il 08 ottobre 2012 , Sonetti

Pasquino by Marione.net powered by WordPress | Tema Pasquino
Post (RSS) e Commenti (RSS).

Pasquino by Marione.net

Fai sentire la tua voce